top of page

Amore e gelosia (VII)



VII

– E mó chi è sta culumbrina che me vuó purtà 'a casa mia pe ma fa conoscere? Sempe chella uagliuttella 'e Nucera?

Il grande Salvatore Di Giacomo, poeta eccelso, scrittore di teatro, giornalista nonché bibliotecario emerito stava in piedi davanti alla mamma con una tensione in corpo che quasi quasi lo faceva tremare.

Si trovava tra due fuochi, e quale fosse il fuoco più ardente non sapeva proprio: da una parte Elisa che con candore e semplicità, ma con determinazione, guardandolo negli occhi gli aveva detto:

– Ma quando mi porti a conoscere tua madre?

Dall'altra questo cerbero, questa vecchia seduta su una sedia in cucina che sembrava un fagotto di cenci ma che quando apriva bocca aveva ancora tanta forza da fargli fare sempre quello che lei voleva: sua madre.

– Mammà, vedi che Elisa nun è na culumbrina, la sua famiglia è una delle migliori di Nocera. Il padre è un giudice e la madre appartiene ad una famiglia facoltosa di Capracotta... e poi, te la voglio solo far conoscere, per farti vedere quanto è bella, Ma lo sai che si sta laureando al Magistero in lettere, poi farà l'insegnante?

– Ma che me stai dicenne, che te la vuoi sposare? Che te ne vuò ire da casa e mi vuoi lasciare sule a me?

La vecchia si mise a piangere, funzionava sempre...

– No, no, mammà, ma chi te lasse! Ma stai pazzianne! Nun 'o penzà neanche! Tu vieni primme 'e tutte quante! Io voglio sule farti conoscere Elisa... mammà, nun songhe cchiù nu uaglione, tengo 46 anni...

La vecchia cambiò tattica:

– Va bbuone, me la vuoi portare... e falla venì! Falla venì! Ma ie nun apprepare niente, me la porti per un caffè e basta! Facce venì pure a don Ciccio, 'o prevete, accussì quatte uocchie guardane meglio di due...

"Uh Gesù, in che guaio mi sto mettendo!" pensò il grande poeta, "Don Ciccio è nu vero scassacazze, quello interroga Elisa sul catechismo, sai che figura ci faccio".

Ma ormai il guaio era fatto, sarebbe andata così. A malincuore, tutto fu stabilito: il prossimo sabato pomeriggio Elisa sarebbe venuta a Napoli a conoscere la mammà, con la presenza di don Ciccio 'o prèvete.

Che sabato che lo attendeva!


Francesco Caso



Comments


bottom of page