top of page

L'avvocato Ninetta (X)



Scena X

Bettina e detti.


Bettina – Comme, già ve ne iate?

Giacinto - Già me ne vaco?! io stongo 'a meza iurnata ccà ncoppa, n'ata vota me porto 'o lettino.

Bettina – E 'a piccerella mia comme v'è parza?

Giacinto – Non è una donna, non è un uomo, non è un avvocato...

Bettina – Se pò sapé che d'è?

Giacinto – È un angelo... è na cosa celeste.

Ninetta – Baró jatevenne, mò ve ne caccio io mò.

Giacinto – (confuso) Stateve bene... addio, arrivederci... Uh! mò me scordavo... D. Erbè io ve saluto, piacere di aver fatta la vostra conoscenza. (via spinto per forza)

Giulio – A forza D. Erbetta me vò chiammà...

Ninetta – Ah! se n'è ghiuto finalmente. Mammà, sa che t'avviso, che se io aggia fà 'o paglietta sta storia nun pò j nnanze accussì. Non pozzo fà na figura ridicola pe causa tua.

Bettina – Ma figlia mia, sò combinazione che se danno.

Ninetta – Ma che combinazione me vaje contanno. Comme, me manne tre, quatto vote a zucarme, mò p' 'o sale, mò p' 'o pepe, 'a criatura che chiagne. Io sto in una posizione falsa, nu poco che nce mettimmo d' 'o nuosto, ccà 'a cosa se piglia a bagattella e nun se magna cchiù. Dì tu Giulio, ho ragione o ho torto?

Giulio – Hai ragione perfettamente.

Ninetta – E meno male che 'o Barone era nu piezzo 'e scemo, ma se era na persona seria, che figura avria fatta?

Giulio – Eppure scemo e buono ha menato na botta, ha ditto: L'avvocato è ghiuto a dà latte a criatura... e rideva!...

Ninetta – Avite capito?... Avite capito di chi si tratta?


Francesco Gabriello Starace




 

Fonte: F. G. Starace, L'avvocato Ninetta, Gennarelli, Napoli 1921.

Comments


bottom of page