top of page

L'avvocato Ninetta (XII)



Atto secondo

Salotto in casa di Francesco. Mobilia elegante. Mensole con specchi e candelabri. Molti cestini di fiori sparsi per la stanza. Piccolo divano innanzi alla scena. Sedie tappezzate, portieri alle porte e alle finestre. È sera quindi saranno accese le steariche.

 

Scena I

Francesco e Totonno.


Francesco – (molto affacendato) Totò, te raccomando, mò che finisce d'accendere 'e lume, miette in ordine tutte sti cestine di fiori, fa' in modo che se vedono tutti quanti, io voglio che quei signori che mò hanna venì, vedano tutti i fiori che ha avuto regalati Maria p' 'o nomme sujo.

Totonno – (che accende i lumi e rassetta) Nun ce penzate che mò acconcio io tutte cose. Vuje nun avita fà ato che cumannà surtanto, p' 'o riesto lasciate fà a me.

Francesco – 'O saccio che sei un giovane svelto e perciò son sicuro di quello che fai.

Totonno – Io aggio servuto tanta case nobile, non pe disprezzà 'a casa di Vostra Eccellenza e tutte m'hanno purtato nchiante 'e mano.

Francesco – Lo so, lo so, e perciò ti voglio bene. Oh! Totò, quanno vene 'o surbettiere a purtà 'e gelate, falle mettere dint' 'a cucina. Si vene quacche invitato cchiù priesto tu nun 'o fà assettà dint' 'a galleria, ma fallo aspettà dint' 'a stu salotto. Tu mò 'e capito?

Totonno – Va bene, v'aggio ditto nun ce penzate. L'etichetta 'a conosco e saccio 'a mano diritta mia.

Francesco – Io me vaco a vedé si Maria s'è vestita, io le vado a dà nu bacio prima che viene qualcheduno. Dì 'a verità, è na bella pupatella chella figlia mia?

Totonno – Signó, chella è na gioia che tenite.

Francesco – Gioia 'e papà tujo, quanto si aggraziata! Teh! teh! (gitta un bacio con la mano e via)

Totonno – Vì quanto è curioso stu signore mio. Ed è pure pazzariello assaje quanno sta 'e genio, e ogge è jurnata che isso sta allegro assaje, te pare, è 'o nomme d' 'a figlia e ce tene na passione pe chella piccerella. E che passione. Stamattina appena s'è scetato m'ha dato 5 lire 'e nferta, fosse ogni ghiurno accussì. (suono di campanello) E chi sarrà? Ah! ha da essere chillo che porta 'e gelate. Jamme ad arapì. (via poi torna)


Francesco Gabriello Starace




 

Fonte: F. G. Starace, L'avvocato Ninetta, Gennarelli, Napoli 1921.

Comments


bottom of page