top of page

L'avvocato Ninetta (XI)



Scena XI

Cesarino e detti, indi Rosina.


Cesarino – Ecco ccà 'e carte che m'ha dato l'usciere.

Ninetta – Seh! m' 'e faccio fritte c' 'a mente.

Cesarino – Embè, tanta pressa pecché 'e vulive, e po’?

Ninetta – Stupido, nun capisce niente. Nun 'e capito che tutto chesto se fa pe nu poco 'e reclame.

Bettina – Ma tu te 'a persuadé, Ninetta mia, che io nun l'aggio fatto apposta.

Ninetta – 'O saccio. Ma io nun m' 'a piglio cu te, m' 'a piglio cu chella stupida 'e Rosina, essa avarria pure capì cierte cose. (chiama) Rosina, Rosì?

Giulio – (piano a Cesarino) Tu 'e visto chillo che mò è sciso 'a ccà ncoppa?

Cesarino – Sì, 'o saccio. Chillo ch'è venuto stammatina.

Giulio – Indovina chi è.

Cesarino – Chi è?

Giulio – 'O Barone Chiappo!

Cesarino – 'O marito 'e Gesummina? (parlano piano)

Rosina – Signurì, eccome ccà.

Ninetta – Rusì, t'avviso pe l'ultima volta che quando io sto con delle persone non devi venire a...

Rosina – Ma chella è stata 'a signora che...

Ninetta – Nun ce sta nisciuna signora... quando io ti dico na cosa tu m' 'e 'a sentì... e quanno... sto trattando coi clienti tu non 'e 'a venì a sfrocolià 'o pasticciotto c' 'o ssale, 'o magnà che s'azzecca ncopp' 'o fuoco e 'a criatura che vò zucà...! E meno male c' 'o Barone era nu piezzo 'e scemo... (torna Giacinto per prendersi l'ombrello che à dimenticato) nu turzo, nu battilocchio qualunque...

Cesarino – (piano) Zitta, chillo sta llà!...

Ninetta – Sì, ho detto bene, e lo ripeto. (a Cesarino) Sei uno scemo, un torsolo, un battilocchio qualunque! Ti ho detto di andare.


Cala la tela

Fine del primo atto.


Francesco Gabriello Starace




 

Fonte: F. G. Starace, L'avvocato Ninetta, Gennarelli, Napoli 1921.

Comments


bottom of page