top of page

L'avvocato Ninetta (IX)



Scena IX

Ninetta e detti.


Ninetta – Eccomi quà, ho fatto presto presto. Neh! perché state ridendo?

Giulio – Il signor Barone mi diceva...

Giacinto – (interrompendolo) No... niente... se parlava 'e n'amico mio. È un fatto che ho raccontato a D. Erbetta.

Giulio – Già, n'amico suo ha consultato un avvocato, il quale...

Giacinto – È na cosa che vuje non putite sapé.

Ninetta – Ma perché, sono cose segrete?

Giulio – No, niente di segreto, anzi è na cosa curiosa che...

Giacinto – Ma quando v'aggio pregato che essa nun 'o pò sapé...

Ninetta – Uh! mò m'avite fatto venì 'a curiosità di saperlo.

Giulio – Baró, ma io credo che nc' 'o pozzo dì.

Giacinto – Ma vi ho detto che è una cosa di famiglia che io non voglio fà sapé, me pare che basta.

Giulio – Quando dite così, allora nun ne parlammo cchiù.

Giacinto – Ah! m'ha levato na palla 'a copp' 'o stomaco. Dunque, D.ª Ninè... (rimettendosi) avvocato. Nuje restammo comme avimmo cumbinato?

Ninetta – Perfettamente, domenica a sera da Lanterna. (forte) In qualunque cosa valgo a servirvi, quì troverete una vostra serva... prego onorarmi dei vostro comandi.

Giacinto – Oh, grazie, grazie di tutto cuore. Se ci riesco, ve porto a Capracotta per una gita di piacere! Arrivederci avvocato.

Ninetta – Comme me purtasse a Parigi.


Francesco Gabriello Starace




 

Fonte: F. G. Starace, L'avvocato Ninetta, Gennarelli, Napoli 1921.

Comments


bottom of page