top of page

L'avvocato Ninetta (XIV)



Scena III

Francesco e detti, Totonno (passeggia).


Francesco – Eccomi quà. Bravo. Sempre così, sempre in pace e contenti.

Giacinto – (Ce pare.)

Francesco – Giacì, mi hai fatto proprio una sorpresa e nu piacerone di condurre la signora, non mi aspettavo questo onore.

Gelsomina – L'onore è sempre mio.

Francesco – Accomodatevi. (seggono Giacinto e Gelsomina al divano, Francesco ad una sedia) Hai fatto nu tulettone. E perché t' 'e puosto sta sciassa, 'a casa mia nun è casa di sciassa, ccà se tratta di una riunione di amici.

Giacinto – È la Baronessa che ci tiene a fare mettere 'a sciassa.

Gelsomina – Verite, a me l'arichetta me piace nu pucurillo.

Francesco – Ah! quando è così non parlo più.

Giacinto – A proposito. Cì, ti debbo accusà 'o servitore tujo.

Francesco – E pecché, t'ha fatto qualche cosa?

Giacinto – S'è puosto a mbrusunià pecché io t'aggio chiammato Ciccio, dicenno che t'aveva chiammà Commendatore. Te pare mò fra de nuje nce stanno sti cerimonie.

Francesco – Chillo è nu giovine affezionato, Totonno, e po' ci tiene alle forme perché ha servito tutte case distinte. Scusami caro Giacinto, hai torto.

Gelsomina – (dando un pizzico a Giacinto) E 'a primma io te l'aveva ditto.

Giacinto – Ah!...

Francesco – Che c'è?

Giacinto – Niente... niente... è un affare mio!

Francesco – E la signora come va che si è decisa di venire stasera, Giacinto m'ha detto che non andavate a nessuna parte di sera.

Gelsomina – Vedite... ogne tanto quacche serenata, se fa n'accezione.

Giacinto – Acqua à.

Francesco – (Parla bona assaje chesta.) Ed io vi ringrazio che questa eccezione l'abbiate fatta per me.

Gelsomina – Vuje site nu signore nobile e civile, e perciò io sarebbe venuta da leio.

Giacinto – Vì che te votta Marzo!

Francesco – È vostra bontà di credere così.

Giacinto – È meglio ca cagno discorso si no chesta sà quante ne votte. Dunque Cì, tu mò cu chi si rimasto. Sulo c' 'a piccerella?

Francesco – E già. Da che aggio perduto quell'angelo di mia moglie... che donna! Che donna! E 'a figlia vene tale e quale 'a mamma, bella e bona! Tu non conosci Maria?

Giacinto – No, nun l'aggio visto ancora.

Francesco – E adesso vedrai quant'è bella. Sta ultimando la sua toeletta. Sai, è ragazza... e poi è figlia di Eva.

Giacinto – Accussì se chiammava mugliereta?

Francesco – Seh! se chiammava Adamo. Ho detto figlia di Eva per dire ch'è donna.

Giacinto – E quanno po' tu jesce resta sola?

Francesco – Io le ho preso la governante, embè, 'a restava sola.

Giacinto – E 'a governante 'a governa ogni ghiurno?

Francesco – Ma che l'ha pigliato pe canario? Si capisce che la governante sta sempe ccà giorno e notte.

Giacinto – Io chesto vuleva dì... nce sta sempe... nun è che vene nu giorno sì e n'ato no.

Francesco – Uh! Giacì, figlio mio, me faje certe domande curiose.

Gelsomina – Vuje l'avite compiatì pecché chisto è pazzo c' 'a capa.

Francesco – È stato sempe nu poco originale.

Giacinto – Neh! a proposito, che te fanno fà ncopp' 'o tribunale?

Francesco – 'O scupatore, 'o purtiere. Non sai che io sono Presidente di Sezione.

Giacinto – Comme fosse nu vice sindaco.

Francesco – E che nce trase. Mò me faje n'ato pasticcio.

Giacinto – Ma se mi hai parlato di sezione, llà nce sta ’o Vice Sindaco.

Francesco – Ma che nce trase 'o Municipio c' 'o tribunale.

Gelsomina – Ah! 'o tribunale! Mò aggio capito io. Vuje fusseve chillo che s'assetta areto 'a banca?

Francesco – (Chesta m'ha pigliato p'acquaiolo!) Precisamente, quello che se mette assettato in mezzo.

Gelsomina – Ah, ah! nun me pozzo tenere 'a risa.

Francesco – E pecché ve facite sta risata?

Gelsomina – Pecché sto penzanno comm'avita paré curiuso cu chillo cuppulone ncapa e c' 'o vaverazzaro d' 'e criature.

Francesco – Chesta l'ha pigliata pe na mascherata.

Gelsomina – Ma pecchè v'avita vestere accussì curiuso? (ride)

Francesco – Così, vuole la legge.

Giacinto – Gelsomina, ma basta mò. Finisci di ridere, che l' 'e pigliato pe Pulecenella a Ciccio. Mò me nquarto mò!

Gelsomina – Vattè, statte zitto... và scola!... Cu permesso d' 'o Presidente.

Francesco – Questi sono affari di famiglia... fate pure.

Gelsomina – Voglio rirere, haje che dicere?

Giacinto – Ma se capisce... perché non sta bene di ridere per...

Gelsomina – Vattè, mo t'azzecco nu buffettone... cu permesso d' 'o Presidente...

Francesco – Io ve l'aggio dato, fate quello che volete.

Giacinto – E comme te vene ncapo. Chella 'o fa overamente.

Francesco – Io pozzo sapé sti cose. (Vì che bell'ambo asciutto hanno fatto tutt'e duje.)


Francesco Gabriello Starace




 

Fonte: F. G. Starace, L'avvocato Ninetta, Gennarelli, Napoli 1921.

コメント


bottom of page