top of page

L'avvocato Ninetta (XV)



Scena IV

Totonno indi Ninetta, Bettina, Cesarino e detti.


Totonno – (annunziando) La signora Ninetta Rocco nei Spaghetti e tutta la sua famiglia. (via)

Giacinto – 'A vì lloco essa!

Gelsomina – Che songo asciute 'e spaghette?

Francesco – No, mò esce l'arrusto.

Gelsomina – Pecché ha ditto i spaghetti chillo?

Francesco – Ha voluto intendere che la signora Ninetta Rocco è maritata Spaghetti. Lasciatemi andare incontro. (esegue) Oh! signor avvocato, qual piacere di vedervi stasera. Vi siete ricordata della mia cara Maria?

Ninetta – Era nostro dovere di venire stasera.

Francesco – Grazie, grazie! Siete troppo buona.

Bettina – (vedendo Giacinto) Uh! ccà ce sta 'o Barone nuosto. Come state?

Giacinto – Eh! non c'è male. (Comme le prode 'a capa a sta vecchia.)

Cesarino – Che veco! Gesummina c' 'o marito!... aggio fatto toppa 'e faccia. (si ritira in disparte)

Gelsomina – (È isso 'o nfame!...)

Francesco – Ah! voi lo conoscete? Allora presento soltanto la Baronessa sua moglie.

Ninetta – (dandole la mano) Fortunatissima di conoscerla.

Francesco – La signora Ninetta, sua madre, e il sig. Cesare Spaghetti marito della sig.ª Ninetta... Addó sta? Che se n'è fatto? Ah! eccolo là, D. Cesare. Che d'è, ve ne site scappato?

Cesarino – Stavo vedendo tutti questi belli fiori.

Francesco – Sò tutte regale che ha avuto 'a piccerella mia!

Gelsomina – (piano a Giacinto) Comm' 'a cunusce a sta vecchia!

Giacinto – Conosco il padre quann'era piccerille, steveme nculleggio assieme!

Gelsomina – Vattè, busciardo! (gli dà un pizzico)

Francesco – Signori accomodatevi: lasciamo prima venire qualche altro e poi passeremo nel salone. Giacì scusa, fa assettà 'a signora al divano.

Giacinto – Ma subito. E quanno 'o diceva! (siedono Ninetta e Gelsomina al divano. Francesco e Bettina in mezzo, Cesarino e Giacinto all'altro lato)

Ninetta – Sono lieta di prendere posto accanto alla Baronessa. (Io a chesta 'a saccio e nun ricordo addò l'aggio vista.) La sig.ª Baronessa è tanto buona che si contenterà della mia compagnia.

Gelsomina – È bona 'a vocca vosta.

Bettina – E 'a santa addò sta, nun se vede ancora.

Francesco – Poco pò tardà, se steva fernenno 'e vestì.

Cesarino – (piano a Giacinto) Quella llà è 'a signora vosta?

Giacinto – Sissignore, nc'avete che dì?

Cesarino – No, mi fa piacere di conoscerla.

Giacinto – E a me pure m'ha fatto piacere conoscere vostra moglie... l'avvocato.

Cesarino – A proposito, come l'avete trovata?

Giacinto – Bona assaje, in professione.

Cesarino – Avete visto che tutto chello che ve diceva io era vero, e vuje 'a pigliasteve a pazzia.

Giacinto – Vuje purtateve sempe accussì che fate bene gl'interessi della famiglia.

Ninetta – E la sig.ª Baronessa è molto tempo che sta a Napoli?

Gelsomina – Comme, io ccà sò nata e vuje me facite st'addimmanna.

Ninetta – Eppure non si crederebbe, dalla pronunzia sembra forestiera.

Gelsomina – Pare accussì pecché quanno voglio saccio parlà trisco.

Giacinto – Siente che sta cumbinanno muglierema.

Cesarino – Ninetta se sta spuzzulianno a Gesummina.


Francesco Gabriello Starace




 

Fonte: F. G. Starace, L'avvocato Ninetta, Gennarelli, Napoli 1921.

Comments


bottom of page