top of page

L'avvocato Ninetta (XVI)



Scena V

Totonno indi Matteo, Michelina, Laura e detti.


Totonno – Il cav. Miscelli e le sue figlie. (via)

Francesco – Ah! bravo, sono arrivate finalmente. Sapete, mò (vengono) 'e Miscelle. (va incontro)

Giacinto – E pecché fà venì sti mescelle, che hanna fà, 'e gioche?

Cesarino – Voi ch'avete capito, che venene 'e gatte? Nossignore, quelle sono due signorine, mò 'e vedrete.

Francesco – Ah! il mio caro collega. Benvenuto, benvenuto.

Matteo – Caro Presidente, eccoci quì, a fare i nostri auguri a quella cara ragazza... e per mille mille anni.

Francesco – Oh! grazie, grazie di tutto cuore.

Matteo – Vi ho condotto Mimì e Lallà come vi avevo promesso. Mimì, Lallà, salutate il Presidente.

Francesco – Ma che songo doje nota 'e musica.

Michelina – Signor Presidente vi bacio la mano.

Matteo – Presidè, voi l'avite cumpatì se sono nu poco inceppatelle, perché non vanno mai a nessuna parte, non fanno che chiesa e casa, casa e chiesa.

Francesco – E quella è la vera educazione. Nu poco antica veramente ma i nostri padri ne sapevano più di noi.

Matteo – Ma è proprio questa la mia idea. Papà accussì ha mparato a me, e io accussì i miei figli.

Giacinto – E fate bene, la bonanima di mio padre, D. Oronzio, mi diceva sempe, figlio mio, tu 'e 'a venì tale e quale a me, e io comme a isso sò venuto. E qua sta Ciccio per testimone.

Francesco – No, chesto t' 'o pozzo assicurà, tu si tale e quale a pateto.

Matteo – E chi è questo signore?

Francesco – È un mio amico. Ti presento il barone Chiappo e sua moglie, l'avvocato Ninetta Rocco, suo marito e sua madre.

Matteo – Oh! Fortunatissimo di conoscerli. Vi presento le mie figlie Mimì e Lallà; salutate tutti questi signori uno per volta, fate il giro. (fanno una riverenza)

Giacinto – Ma che le fa fà, 'e gioche a chelli doje?

Matteo – (a Ninetta) Era proprio curioso di conoscere la signora. Voi siete quella che il Consiglio dell'Ordine ha ricusato mettere nell'albo dei procuratori?

Ninetta – Per l'appunto.

Matteo – E voi naturalmente avete intentata la lite.

Ninetta – E si capisce questo.

Francesco – Ma non vi potete lagnà perché la sentenza ve l'abbiamo fatta favorevole.

Ninetta – Presidè, perdonate che ve lo dico, ma era giustizia.

Matteo – Ma si capisce, llà sopra non si fa niente contro la giustizia.

Ninetta – Ma intanto il Consiglio dell'Ordine ha prodotto appello.

Francesco – Ma potete sta sicura che la corte d'appello confermerà la nostra sentenza.

Ninetta – Lo spero almeno.

Francesco – Oh! ne potete essere certissima.


Francesco Gabriello Starace




 

Fonte: F. G. Starace, L'avvocato Ninetta, Gennarelli, Napoli 1921.

Yorumlar


bottom of page