• Letteratura Capracottese

La fucelazióne


Francisco Goya, "Il 3 maggio 1808", 1814, olio su tela.

Sott'a re Monte a dù jeàrvene taglieàte, già attaccàte gné san Sabbastieàne,

mó Gaspare e Rodolfe lòche stieàne

pe esse da re Tedìsche fucilieàte.


Senza nesciùna colpa, sulamènte p'avé cristieanamènte recettàte re priggiuniére englìse affamàte.


All'embruvvìse nu spare ze sente déndre a quire vòsche de 'r dulóre; dù cuórpe senza vita, dù 'nnuciénte

ze ne sò jùte senza nu lamiénte.

Lóre nen sò muórte, ma sò vive ancora

pe tutte re pariénte e re paisieàne.

Gné dù crùce de fieànche appeccechieàte

accuscì stieàne in ciéle re dù frieàte, che l' vràccia aperte e unite che na mieàne.


Pe vuluntà della cattiva sorte,

pe Rodolfo e Gaspare Fiadino

s'è chiuse quire juórne ru destìne...

dù frieàte nella vita e nella morte.


Gabriele Mosca

La fucilazione

Sotto il Monte, a due alberi tagliati, come san Sebastiano, lì stan già legati Gasperino e Rodolfo, per esser dai Tedeschi fucilati. Senza colpa alcuna, soltanto per aver dato cristianamente ospitalità a prigionieri inglesi affamati. D'improvviso s'ode uno sparo in quel bosco del dolore; due corpi senza vita, due innocenti, se ne sono andati senza lamenti. Loro non son morti, ma sono ancora vivi per tutti i parenti e i compaesani. Come due croci di fianco unite, così stanno ora in cielo i due fratelli, con le braccia aperte che si dan la mano. Per volontà della cattiva sorte, per Rodolfo e Gasperino Fiadino si chiuse quel giorno il lor destino... fratelli nella vita e nella morte.


(trad. di Francesco Mendozzi)

Fonte: G. Mosca, Poesie in dialetto capracottese, Archimede, Sulmona 2008.

#capracotta #dialetto #francescomendozzi #fratellifiadino #gabrielemosca #morte #secondaguerramondiale #sottoilmonte #traduzioni

© 2015-2020 Letteratura Capracottese di Francesco Mendozzi

Via San Sebastiano, 6 - 86082 Capracotta (IS)

*** Contattami ***