• Letteratura Capracottese

Re majellése e re sòle


Diego Velázquez, "Esopo", 1639-42, olio su tela.

Ne juórne re majellése e re sòle letechieàvane. Une pretennéva d'esse chiù forte dell'uoàrre.

A ne ciérte punde vediérne n'òmmene ca jéva camenieànne tutte cupiérte sott'a ne mandiéglie. Re dù decediérne ca re chiù forte tra lóre era quire ch'arrescéva a faje levà re mandiéglie all'òmmene.

Re majellése cumenzàtte a scesciuà forte ma, chiù scesciuàva, chiù l'òmmene ze ŝtregnéva re mande, tant'è ca re pòvere viénde avètta siŝte.

Dope n'anzé de tiémbe re sòle apparètte 'n ciéle e l'òmmene, ca sendéva calle, esse ze levàtte re mandiéglie.

Accuscì, re majellése avett'ammétte ca re sòle era re chiù forte.

T'è piaciuta la ŝturièlla? La vuléme arraccundà n'arra vòlda?


Francesco Mendozzi

Il vento di tramontana e il sole

Un giorno il vento di tramontana e il sole litigavano, l'uno pretendendo di essere più forte di quell'altro. A un certo punto videro un uomo, che andava avanti interamente coperto da un mantello. I due decisero che il più forte sarebbe stato chi fosse riuscito a far togliere il mantello all'uomo. Il vento di tramontana iniziò a soffiare molto forte, ma più lui soffiava, più quell'altro si stringeva con il mantello, tanto che poi il povero vento dovette fermarsi. Dopo un po' di tempo il sole apparve in cielo, e l'uomo, che sentiva caldo, si tolse il mantello. Così la tramontana dovette dire che il sole era il più forte dei due. «Ti è piaciuta la storiella? La vogliamo raccontare un'altra volta?».


Esopo


Fonte: https://fgranatiero.wordpress.com/, 29 marzo 2020.