• Letteratura Capracottese

I fegliòle de Capracòtte


Lavandaie capracottesi al Comunice (foto: G. Paglione).

I fegliòle dell'Orte Ianìre

fanne sempe n'arte a rire

ma se 'u 'nnammuràte 'i cagne

fanne sempe n'arte a chiagne.


I fegliòle de S. Antònie

c' 'a fatìe fanne ceremònie,

però s'énna ì a fà amore

sò despòste a qualuncóre.


I fegliòle de la Fundióne

zulèssere spusà 'u gióne

ma se ne punne truvà

c' 'u vècchie ze sanne adattà.


I fegliòle de Uasìne

sò ni belle segnurìne,

sò belle e pure forte

però tinne 'i còsse stòrte.


I fegliòle de S. Giuènne

pàrlene sempe allucchènne

ma c' 'u spóse quillie dritte

fanne 'i fatte zitte zitte.


I fegliòle de Funtecèlle

s'énna sta c' 'u giuvenettélle,

fusse cecàte oppure surde

ze ne vunne ì 'ndu scurde.


I fegliòle de ru Còlle

in discese guìdene a fòlle,

cìrchene da sparagnà,

sìrvene 'i solde pe ze spusà.


I fegliòle de Còste Grille

assaie forte danne 'i strille

quanne che 'u 'nnammuràte

i vò fà che maniàte.


I fegliòle de Cacatùre

ch'i giùne vanne secùre

e invece z'énna sta attènte

pecché i giùne fanne i fetènte.


I fegliòle d' 'a Piazzètte

a povera mamme 'ndanne retta

e a sere 'nge sta da fà,

énna scì pe ì a 'bbaccaglià.


I fegliòle de Capracòtte

stanne sempe frédde a nòtte

ma na vòte ammaretàte

a notte stanne sempe anfucàte.


Oie giùne de Capracòtte

i cunzìglie da darve sarrìne otte

ma une alméne v' 'u vòglie dà:

lassàte sta 'i femmene da qua!


Peppino

Le ragazze di Capracotta

Le ragazze dell'Orto Ianiro ridono di continuo ma se l'innamorato le cambia di continuo piangono. Le ragazze di Sant'Antonio col lavoro fan cerimonie, però se devono amoreggiare son disposte a ogni cosa. Le ragazze di Fonte Giù vorrebbero sposarne uno giovane ma, se non trovano, devono adeguarsi a uno vecchio. Le ragazze del Casino sono belle signorine, sono belle e pure forti ma hanno le gambe storte. Le ragazze di San Giovanni parlano sempre a voce alta ma col fidanzato giusto si danno da fare in silenzio. Le ragazze delle Fonticelle devono star con le bambine, fossero cieche o sorde, vorrebbero andare al buio. Le ragazze del Colle in discesa guidano a folle, cercano di risparmiare perché servono i soldi per sposarsi. Le ragazze di Coste Grilli lanciano forti strilli quando l'innamorato vuol palpeggiarle un po'. Le ragazze di piazza Cacaturo coi giovani stan sicure ma invece dovrebbero stare attente perché i ragazzi son fetenti. Le ragazze della Piazzetta non danno retta alla povera mamma e la sera non c'è nulla da fare, devono uscire a vociare. Le ragazze di Capracotta son sempre fredde di notte ma una volta coperte la notte prendon fuoco. Ohi giovani di Capracotta, i consigli da darvi sarebbero otto ma almeno uno ve lo voglio dar: lasciate star le femmine di qua!


(trad. di Francesco Mendozzi)


© 2015-2020 Letteratura Capracottese di Francesco Mendozzi

Via San Sebastiano, 6 - 86082 Capracotta (IS)

*** Contattami ***