top of page

Me ne vuóglie ì a Capracotta



Me ne vuóglie ì a Capracotta, me la vuóglie truvà na brùtta fàtta, bàsta ca è bòna pe la nòtte, ca ru juórne la chiùde déndr'a l'àrca.


Le bèlle sò de Scànne e de Frattùra, uócchie nerìlle de la Vallescùra, e se pe spósa nen te pòzze avé pe cummarèlla me te vuóglie fà.


Ardàmme re fazzulettóne che t'àje purtàte da Fruselóne, la pìzza l'àje méssa alla cavùta


e masséra arvè Giuànne,

t'arpòrta la cagliatèlla calla calla calla...


Nen t'arcuórde chiù, bèlla méa, quànde la giàcca méja fu da cuscìne e tu che l'uócchie a re ciéle e i de spàlle le sànghe me suguàste da 'l véne.


Angì... Angì... Angela Rosa, me scì sfasciàte re troàve de la càsa pe le tròppe abballà quànd'èra spóse,


e masséra arvè Giuànne,

t'arpòrta la cagliatèlla calla calla calla.

 

Me ne voglio andare a Capracotta

Me ne voglio andare a Capracotta, me la voglio trovare una brutta fatta, basta che sia buona per la notte, ché il giorno la chiudo dentro l'arca. Le belle son di Scanno e di Frattura, occhi neri della Vallescura, e se per sposa non ti posso aver, per commarella mi ti voglio far. Ridammi il fazzolettone che t'ho portato da Frosolone, la pizza l'hai messa nella buca, e stasera torna Giovanni, ti riporta la cagliatella calda calda calda. Non ti ricordi più, bella mia, quando la mia giacca ti fece da cuscino, e tu con gli occhi al cielo ed io di spalle, il sangue mi succhiasti dalle vene. À... À... Angela Rosa, hai sfasciato la trave della casa per il troppo ballare quand'ero sposo, e stasera torna Giovanni, ti riporta la cagliatella calda calda calda.


(trad. di Francesco Mendozzi)

 

Si tratta di una canzoncina popolare della tradizione orale di Frosolone, spesso utilizzata anche dai pastori in tempo di transumanza.

Comments


bottom of page