top of page

Zènza suólde


Una veduta di Poggio Sannita.

Sònane le campane a le Piéschie e a Crapacotta, e sònane pruópri'a festa, pecché è na bella botta: le suólde suó 'rrevéte e suó pure na chèlla, invece a Caccavone... manghe na megliechèlla!


A me me despeiéce, però vuóglie capì, pecché soltante all'éldre... ie dicene ca scì; a volda Caccavone steva sempre pe prima, mó invece ce sta sempre... chia ce zómpa 'n gima.


Vuóglie capì pecché nù stémme sempr'arrète e de chia è la colpa... chi ce stéva o chi è rrevète; cèrte, de nevetà angóra nne vedémme, me sa ca pure mó... sprecàmme ste cingh'ènne!


Chéste però seccède a chi nen vò ascheldà, a chi dice «facce ì, ì sacce gna ze fa» ma nù l'eravàmme ditte appena è chemmeiéta: se cusse è le buongiorne... è fatta la frettéta!


Tiberio La Rocca

 

Fonte: https://www.facebook.com/, 26 gennaio 2014.

Kommentare


bottom of page