• Letteratura Capracottese

Re dièvre e ru tesèure de la Macchia



Ce stìane ancàura re dièvre alla Macchia?

Ma ce ne stà gné próima? Chi r'accióide?

E allora chéma fa?

Réma da j a truvà?


Che re dièvre e senza dièvre alla Macchia

nu céma joie, nu céma jóie, gnorsì,

pe l'aria bella, pe la bella vója,

ch'Agnèune e Capracotta n'armunója,

nu céma jóie, nu céme jóie, gnorsì.


Ce sta alla Macchia ru tesèure, ancàura?

Nisciune rà truvate e ci ha da stà!

E rema j a cercà!

E rema j a truvà!


Ma pe ru tesèure che ce sta alla Macchia

nu céma jóie, nu céma jóie, gnorsì,

pe l'aria bella, pe la bella vója

ch'Agnèune e Capracotta n'armunója,

nu céma jóie, nu céma jóie, gnorsì.


Però... ru tesèure è essa la Muntagna,

ch'éma canosce e sempre chiù apprezzà!

E 'n l'éma abbandunà!

E l'éma migliurà!


È mamma, è mamma Santa la Muntagna:

Essa che nu e nu che essa, gnorsì!

La mamma 'nsa re figlie abbandunàje,

re figlie che la mamma se na stàje

e l'éna amàje e l'éna amàje, gnorsì!


N. M.

Il diavolo e il tesoro della Macchia

Ci sono ancora i diavoli alla Macchia? Ce ne sono quanti ce n'eran prima? E chi li ammazza? Ma allora che fare? Dobbiamo andare alla loro ricerca? Diavoli o non diavoli, alla Macchia noi ci dobbiamo andar, ci dobbiamo andare, signorsì, per l'aria bella e sulla bella via che collega Agnone e Capracotta, noi ci dobbiamo andar, ci dobbiamo andare, signorsì. C'è ancora il tesoro alla Macchia? Nessuno l'ha trovato ma deve esserci! Dobbiamo andare a cercarlo! Dobbiamo andare a trovarlo! Per il tesoro nascosto alla Macchia noi ci dobbiamo andar, ci dobbiamo andare, signorsì, per l'aria bella e sulla bella via che collega Agnone e Capracotta, noi ci dobbiamo andar, ci dobbiamo andare, signorsì. Però il tesoro è... la montagna stessa, che dobbiam conoscere ed apprezzare sempre più! E non va abbandonata bensì migliorata! È una mamma, una madre santa la montagna: lei con noi e noi con lei, signorsì! I figli non devono abbandonare la mamma, devono restare con lei e la devono amar, la devono amare, signorsì!


(trad. di Francesco Mendozzi)

Fonte: N. M., Ru dièvre e ru tesèure de la Macchia, in «Alto Molise», 7, La Fucina, Agnone, 14-22 agosto 1954.

#agnone #capracotta #emeroteca #lafucina #macchia #traduzioni

© 2015-2020 Letteratura Capracottese di Francesco Mendozzi

Via San Sebastiano, 6 - 86082 Capracotta (IS)

*** Contattami ***